Prossimamente

Sab Lug 18 @08:00
Montagna primo turno
Sab Lug 25 @08:00
Montagna secondo turno
 

La Parola

 
SIGNORE, IL TUO AMICO È MALATO! SIGNORE, QUESTO NOSTRO AMICO È MALATO! PDF Stampa E-mail
Scritto da Don Piergiorgio Torreggiani   
Domenica 29 Marzo 2020
Ogni persona ammalata è sua amica.
Quanti fratelli, soprattutto anziani, sono malati  e rischiano la loro vita.  Sono amici speciali di Gesù.
Egli si fa carico del dolore del mondo. Non lo evita. Lui per primo e più  di tutti sarà  fatto oggetto di questa sofferenza dell'umanità. 
Ma chiede di affrontarlo con la fede. Che non significa che libererà  il nostro corpo dal dolore, ma che prima o poi lui vince il dolore.
QUESTA MALATTIA È  PER LA GLORIA DI DIO.
Che senso ha questa malattia? Perché il Signore la permette? Come può rendere gloria a Dio?
Forse per i segni di fede e di bene che emergono.
Un Papa che si dimostra davvero Padre di tutti, che raccoglie il dolore di tutta l'umanità e lo porta 
ai piedi del crocefisso perché se ne faccia carico.
Forse per l'esempio di amore infinito e di servizio instancabile da parte di medici, infermieri e volontari.
Forse per le persone che lavorano facendo ore straordinarie pur di contribuire a far fronte a questa malattia.
Forse nelle preghiere insistenti  di tanti  che prima non si ricordavano nemmeno di essere battezzati.
Forse attraverso il nascere e il crescere di una fede nuova, più profonda.
Forse ...
TANTI ERANO VENUTI DA MARTA E MARIA PER CONSOLARLE ..
Nemmeno questo si può  fare oggi. Consolare chi deve separarsi da un congiunto (potremmo dire "disgiunto" dal virus).
Come stare vicino a chi è  nel dolore? Non ci resta che una preghiera, una telefonata, un SMS, inviare un abbraccio ideale...
Ma soprattutto dire loro: GESÙ  È  LA RISURREZIONE E LA VITA  CHI CREDE IN LUI NON MORIRÀ PER SEMPRE.
E non è  semplice farlo capire durante una benedizione fugace,  fatta all'obitorio o al cimitero con pochi intimi,
mascherati e distanti, al punto da non riconoscerci nemmeno.
SIGNORE,  SE TU FOSSI STATO QUI ...
Quanti in questo periodo avranno ragionato come Marta e Maria. E forse non solo per lamentarsi e per rimproverare il Signore,
ma per invocarne l'intervento e l'aiuto.
Signore, vieni! Avvicinati a chi è  provato nel corpo e nella fede. Accompagnalo nella salita del Calvario.
Quando vide piangere tutti,
GESÙ SI COMMOSSE E PIANSE.
Gesù  non è  indifferente alla passione dell'uomo di oggi. Si commuove se vede "l'uomo dei dolori."
Ma non poteva fare in modo che non morisse?
Certo. E probabilmente ne ha guariti tanti, ma noi consideriamo i numeri solo dei morti, o solo quelli che stanno male oggi, qui.
TOGLIETE LA PIETRA  ...  LIBERATELO!
Gesù  non può e non vuole fare da solo il miracolo. Per vincere l'epidemia chiede la collaborazione e il contributo di tutti.
La liberazione dal coronavirus è  possibile se si combatte insieme, se stiamo uniti.
Ce l'ha ricordato il Papa Francesco nel suo discorso in piazza San Pietro deserta.
LAZZARO,  VIENI FUORI!
È  Il grido di Gesù  davanti al sepolcro,  e anticipa il suo grido sulla croce quando 
reciterà le parole del salmo: Dio mio, Dio mio ... perché  mi hai abbandonato.
Quel: Vieni fuori, mii fa pensare  ai diversi che in questi giorni sono stati chiusi
per sempre dentro a quelle bare
senza che i familiari potessero rivedere il loro volto, anche se segnato dalla malattia.
Quanti  vorrebbero dire ai loro cari: venite fuori!, almeno per un saluto, per un bacio,
per mettere un ricordo, per esprimere l'ultimo gesto di affetto.
Ma non sono abbandonati, sono destinati a uscire da quelle bare, da quei sepolcri,
da quelle urne che contengono le loro ceneri. I loro corpi risorgeranno.
Sono passati attraverso  la croce, come è  avvenuto per Gesù,
il quale di quella croce ne ha fatto poi il suo trono e la sua vittoria sulla morte.
MOLTI CREDETTERO IN LUI.
Speriamo che avvenga così anche per noi. 
Che questo sia un tempo opportuno per la crescita della fede e che, passato il coronavirus, 
siamo tutti cambiati.
.
Cristo risorge e fa risorgere anche oggi!!! Prima di tutto nei cuori.
Buona domenica.